F2i: Renato Ravanelli spiega la strategia di F2i nell’eolico

Il vertice del fondo infrastrutturale spiega la visione di F2i nell’Opa su Alerion

A colloquio con Il Sole 24 Ore, l’Amministratore Delegato di F2i, Renato Ravanelli, illustra alcuni dei punti di forza dell’Opa totalitaria su Alerion Clean Power, lanciata dal fondo in cordata con Edison, attraverso Eolo Energia. Forte della recente nascita di EF Solare, joint venture paritetica tra F2i ed Enel Green Power, primo operatore nazionale nel settore dell’energia solare fotovoltaica, la società guidata da Ravanelli è pronta per nuove sfide, soprattutto in ambiti infrastrutturali ad elevata frammentazione. A partire dal comparto delle energie rinnovabili che, in particolar modo, offre grandi opportunità. Basti pensare che, attualmente, primo operatore solare detiene soltanto l’1,7% della potenza complessiva nazionale. Un altro settore che presenta buone possibilità di attuare delle riorganizzazioni, con conseguenti economie di scala, è quello eolico. Anche da questa considerazione deriva la decisione di lanciare un’Opa in cordata con Edison su Alerion, di cui Ravanelli elogia l’operato del management che, negli ultimi 18 mesi, ha lavorato per il miglioramento della redditività, soprattutto attraverso una razionalizzazione dei costi.

L’eventuale successo dell’operazione su Alerion, di cui F2i già detiene una quota di poco superiore al 16%, apporterebbe ulteriori 250MW di potenza installata ai 600MW già in portafoglio alla cordata F2i-Edison (al momento terzo operatore nazionale di settore). L’obiettivo, rivela il vertice del fondo infrastrutturale, è quello di raddoppiare già dall’anno prossimo l’attuale potenza in dotazione, attraverso l’acquisizione di ulteriori impianti e con la partecipazione a gare.

Infine, a proposito delle due Opa contrapposte, presentate rispettivamente da Fri-El ed Eolo Energia, Ravanelli precisa che si tratta di due offerte di tipo molto differente, evidenziando che la proposta di Eolo offre con trasparenza a tutti gli azionisti di Alerion la possibilità di monetizzare la propria quota.

F2i sigla accordo con Enel Green Power S.p.A. per joint venture nel settore fotovoltaico

Il 16 ottobre 2015 è stato siglato un accordo tra F2i – Fondi italiani per le infrastrutture ed Enel Green Power S.p.A. per la costituzione di una joint venture paritetica nel settore fotovoltaico in Italia.

L’accordo prevede che le due parti conferiscano alla joint venture un apporto iniziale di 210 MW, rispettivamente 105 MW (F2i) e 105 MW (EGP).

La stipula prevede che F2i, società guidata dall’Amministratore Delegato Renato Ravanelli, possa conferire entro il 2016 ulteriori 58 MW, mentre EGP possa esercitare nel primo semestre del 2018 il diritto d’opzione per l’acquisto di un’altra quota di partecipazione pari al 2,5% del capitale della joint venture.

La pariteticità delle partecipazioni azionarie verrà garantita attraverso conferimenti in denaro da parte di EGP.

La joint venture, grazie al progressivo ampliamento del portafoglio impianti, ad ulteriori possibili acquisizioni e al sostegno gestionale fornito dal Gruppo Enel Green Power si pone l’obiettivo di creare un operatore leader sul mercato nazionale.

Il closing dell’operazione, soggetto al parere positivo della competente Autorità antitrust comunitaria, è previsto entro l’ultimo trimestre del 2015.

F2i, mediante tale accordo, conferma la propria missione di supporto alla crescita dimensionale del sistema delle imprese nazionali operanti nel settore infrastrutturale italiano.

L’Amministratore Delegato Renato Ravanelli, in occasione dell’intesa stipulata con EGP, ha dichiarato: “Piena soddisfazione per l’accordo raggiunto che conferma la strategia di F2i volta alla creazione di valore per i propri investitori”.